Chiesa di San Genesio a Borgo San Giacomo

Chiesa di San Genesio

Via Quinzano, 44
25022, Borgo San Giacomo, BS

Contatti
www.parrocchiaborgosangiacomo.it

La sua origine risalirebbe al 1200. L’unica parte primitiva intatta è il portichetto risalente al Quattrocento che si trova nella parte settentrionale, in fondo al quale venne costruito un sepolcro nel 1550.

Il portichetto, come anche la sacrestia, presenta dei resti di affreschi che raffigurano il mimo S. Genesio mentre suona uno strumento a corda. Furono dipinti direttamente sui muri come riconoscenza ad un ex voto e ricordavano i miracoli e i prodigi attribuiti a S. Genesio che compare in tutti gli affreschi.

Non è chiara l’origine del culto di San Genesio a Borgo San Giacomo, ma è probabile che qualche comico locale abbia voluto onorare il suo santo protettore dedicandogli un luogo devozionale.

L’edificio che si vede oggi ha un impianto quattrocentesco e una pianta longitudinale. La facciata ed il campanile, con una sola campana, invece, sono di epoca rinascimentale. La chiesa, di stile gotico, non ha un ingresso diretto ma si accede attraverso un portico che da un lato è chiuso dal Sepolcro. L’interno presenta un’unica navata rimaneggiata recentemente: le pareti sono prive di decorazioni visibili.

L’altare maggiore, dedicato a S. Genesio Martire, risale al 1800.

Una delle particolarità di questa chiesa è il Sepolcro. Esso risale al 1550 e al suo interno sono presenti due gruppi lignei il primo rappresenta il Compianto, scultura in legno policromo attribuito dell’intagliatore bresciano Paolo Amatore che nel XVII sec. riprende l’iconografia classica del drammatico epilogo di Cristo, assistito da Giuseppe d’Arimatea, Nicodemo, le tre Marie e la Vergine; il secondo invece è il gruppo dell’Incoronazione, risalente al tardo Cinquecento.

È significativa la presenza di un’abitazione annessa alla chiesa che un tempo era un romitorio, ovvero il luogo che per diversi secoli è stato dimora degli eremiti che vivevano di elemosine ed erano i custodi della chiesa stessa.

dove mangiare

cosa vedere nei dintorni